Come diversi altri blog, Angelic supporta quei meccanismi di collegamento introdotti con il web2.0 e resi famosi per esempio da myspace, ma in maniera aperta. Sostanzialmente si tratta di collegamenti ipertestuali potenziati, nel senso che vengono aggiunte altre informazioni (oltre all’URL di destinazione) per creare riferimenti tra pagine connesse ’segnalando’ inoltre al destinatario il contenuto ed il link inseriti.

Tutti i web blog più moderni supportano queste funzionalità, ed è possibile che le abbiate già usate senza rendervene conto. A mio modesto avviso si tratta di una grande invenzione, resa sorprendente dalla sua semplicità. Beh, le specifiche tecniche non sono esattamente banali, ma il concetto alla base è fondamentalmente quello di notificare il tipo dei collegamenti ipertestuali.

  • I Pingback, infatti, sono inviati automaticamente ai siti di destinazione che citate nei vostri articoli (su Angelic come sui vostri blog probabilmente, escluso mySpace) e costruiscono automaticamente una ragnatela di informazioni. Non tutti i blog supportano questo meccanismo, mentre più diffusi sembrano essere i
  • TrackBack, che costruiscono automaticamente un link BIdirezionale tra citato e fonte. Su Angelic, per inviare un trackback è necessario inserire il testo del collegamento di track nell’apposito campo “Trackback”: vi occorre un indirizzo specifico, leggermente diverso da quello della pagina effettiva.

Su Angelic, finchè lo spam ce lo consente, sono attivati entrambi i meccanismi. Per attivare un Trackback verso Angelic, aggiungere /trackback/ all’indirizzo della pagina quando citate le pagine viola. Per attivarne uno verso altri siti (correlati all’argomento discusso) inserite l’URL corretto nel box Trackback, posizionato nella parte inferiore della pagina ‘Scrivi’.

Articoli Correlati

  • Nessun Articolo Correlato